privacy policies

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK |

frase

"Il desiderio di scoprire,la voglia di emozionare,il gusto di catturare:3 concetti che riassumono l'arte della fotografia "(Helmut Newton)

VOTAMI

web

Chi sono

Non sono fotografa,ma voglio condividere con voi foto,video,slide mie e di amici.Buona navigazione nel mio blog!

30 dic 2015

29 dic 2015

Presepi a Pordenone e Porcia

Chiesa di San Giorgio
Porcia
Mostra presepi
Porcia 2014
Chiesa San Francesco
Pordenone

San Francesco- PN
Palse di Porcia
Via Panegai
Palse di Porcia
Via Panegai

Palse di Porcia
Via Panegai

28 dic 2015

Video: IL SEME DELL'AMORE

Il seme dell'Amore

Il mondo e' un unico campo
 nel quale e' stato  seminato
 l'Amore per nutrire chi
 e' affamato ,assetato ed ammalato.
Ogni uomo porta in se'
il seme di questo Amore
che a volte dimentichiamo
di coltivare,di innalzare con
le le opere buone .
Il grande Seminatore
non sceglie dove seminare
gli esseri umani e dove trapiantarli,
ma suggerisce di coltivare
il campo in modo uniforme.
Qui sta la chiave ed il segreto
di tutti i rapporti fra le persone.

tradotto da un testo straniero



23 dic 2015

BUON NATALE

  Auguro BUON NATALE a tutti i lettori di questo blog
olgica
                                    

Video:Natale oggi

BUON NATALE a tutti i miei lettori fissi e a tutti quelli che capiteranno qui per caso!



15 dic 2015

No ai botti di Capodanno : petizione

FACCIAMOLO PER I NOSTRI AMICI ANIMALI, diciamo NO ai botti di capodanno! 

Il forte e improvviso rumore procura agli animali gravi momenti di panico, terrorizzandoli al punto da procurare reazioni istintive incontrollabili. 
Fuggono dal luogo in cui avvertono il rumore, mettendo a rischio la loro vita e a repentaglio l'incolumità di automobilisti e delle persone. I botti sono colpevoli ogni anno della morte di migliaia di animali per stress, spaventi e incidenti! 
Il Capodanno sia un giorno di festa, ma lo sia per tutti, animali compresi. Per questo, limitiamo questa forma di festeggiamento ai fuochi più silenziosi, che spesso sono anche i più belli, come le fontane, per fare un esempio! 
Firma e diffondi anche tu la petizione clicca sul link:

Slideshow immagini di Verona

14 dic 2015

Video: Mostra mercato a Sacile

Sacile è un comune italiano di 19 990 abitanti della provincia di Pordenone, in Friuli-Venezia Giulia.
E' la seconda città della provincia e la sesta della regione per numero di abitanti. Il caratteristico centro storico sorge su due isole sul fiume Livenza lungo le cui sponde si affacciano numerosi palazzi nobiliari del periodo veneziano; è soprannominata anche Giardino della Serenissima e Porta del Friuli.
video fatto con fotografie di olgica t

12 dic 2015

Natale del terzo millennio:fotoaudiovideo


NATALE  del 3° millennio

Fuggiti dalla guerra e dai massacri
alla ricerca di un mondo migliore,
profughi stremati camminano in fila.
Fa freddo,piove,c'e' Mohamed e Fatima
in attesa di un bimbo, nessuno  li vuole.
Hanno messo i reticolati ai confini ,
per non farli passare e per non ospitarli
questa e' la storia di Natale odierna
che si ripete dopo tanti millenni.
olgica

immagini da Novi Matajur e dal web

11 dic 2015

Video: Il fascino delle vecchie cartoline di Natale


L'abitudine di inviare cartoline cartacee per fare gli auguri a parenti ed amici è ormai un ricordo del passato.Oggi si mandano cartoline virtuali,si telefona,si manda un messaggio tramite cellulare.Io ,che sono anziana ,spedisco ancora qualche cartolina ma ne ricevo molto poche. Mi piaceva aprire le buste degli auguri , le mettevo in bella vista in cucina e lì ci rimanevano per lungo tempo.

10 dic 2015

Fotovideo

L'arte di Dario Pinosa di Villanova delle grotte ( Lusevera )


Dario,nato a Udine nel 1953 risiede a Villanova delle Grotte (Zavarh) in borgo Ruša .Le sue abili mani sanno abilmente trasformare materiali diversi (legno,ceramica e rottami di ferro) in quadri,sculture,ceramiche artistiche e riproduzioni di oggetti storici del luogo."Le due figure portanti della sua pittura sono il sentimento e la bellezza.Da autodidatta è riuscito a maturare uno stile personale,fantastico, trasognato e libero che non è legato a determinate tematiche attuali o a un determinato ambiente geografico.L'ambiente,la natura e i personaggi sono visti come in sogno.Dal mondo dei sogni deriva anche il suo caratteristico cromatismo e una specie di trasfigurazione soprannaturale.Il suo mondo fantastico è anzitutto un mondo di colori.


09 dic 2015

Valli del Natisone-Nediške doline

Le Valli del Natisone (Benecija o Nediške doline in sloveno,Vals dal Nadison o Sclavanìe in friulano) sono quattro valli attraversate da altrettanti corsi d'acqua (Natisone, Alberone, Cosizza ed Erbezzo) e collegamento naturale tra Cividale del Friuli (l'antica Forum Iulii) e la valle dell'Isonzo che compongono un territorio geograficamente omogeneo.
Queste quattro valli costituiscono la dorsale meridionale delle Prealpi Giulie e si estendono per la maggior parte tra l'estremo lembo orientale del Friuli e l'alto corso dell'Isonzo, nel Goriziano sloveno (Goriška).
Simbolo di questo territorio è il monte Matajur (1.641 m), dalla cui vetta si domina la pianura.



06 dic 2015

Video: I PRESEPI della signora ASSUNTA


Ruša di Villanova delle grotte (Lusevera) in provincia di Udine è un borgo molto bello, perchè è stato ricostruito dopo il terremoto del 76  seguendo l'antica architettura dell'Alta Val Torre. Questo piccolo borgo, dove abita l'artista Dario Pinosa e la sua famiglia, è un laboratorio artistico.Anche quest'anno sono stati allestiti  i presepi creati con vari materiali naturali:legno,cartoccio di mais ed altro.I presepi sono ben disposti nei luoghi più impensati: un sottoportico, una vecchia stalla, un vecchio secchio arrugginito, una rientranza di un muro e vicino ad un ramo.
Il presepio più grande è fatto di "skus" ossia con il cartoccio di mais.

con le bratee di mais

nella vecchia stalla
di legno
davanti alla casa dell'artista
Pinosa Dario

05 dic 2015

Pillole per la calma

Magia del bianco e nero

FRASI

 *Ci sono sempre due persone in ogni foto :il fotografo e l'osservatore .
*Fotografia.Un'austera  e sfolgorante poesia dal vero.
*Non ci sono regole per una buona foto ,ci sono solo buone fotografie.
Ansel Adams

Ansel Easton Adams ( San Francisco 1902-1984) è stato un fotografo statunitense noto per le sue fotografie in bianco e nero di paesaggi dei parchi nazionali americani e come autore di libri di fotografia. 
Ansel Adams
Parco Nazionale del gran Teton
da https://it.wikipedia.org/wiki/Ansel_Adams

03 dic 2015

Video "Piccola Stella cresce"

Fotografie scattate in Friuli:Alta Val Torre in comune di Lusevera (Udine) ,una zona al confine con la Slovenia dove la natura è incontaminata,la gente vive ancora come un tempo,vi si parla un dialetto sloveno il "Po nasin"-a modo nostro.Inoltre a Villanova delle grotte-Zavarh ci sono delle bellissime grotte carsiche che meritano di esser visitate.

01 dic 2015

Poesia Natale audio/video

NATALE
Si avvicina Natale ,
le città sono piene di luci  colorate ,
due pastori suonano le cornamuse
e stendono la mano, ma
nessuno dà loro retta e nulla dona.
Le vie cittadine sono affollate,
molti, attirati dalle vetrine invitanti,
si fermano per guardare
 ed entrano nei negozi per  gli acquisti .
Io penso alle miserie e sofferenze
che ci sono ovunque,
a tutte quelle persone
che non ce la fanno a vivere,
all'esodo biblico dei profughi
che fuggono dalle guerre e dalla fame.
Possibile che nel mondo di oggi
ci sia tanto egoismo ed indifferenza.
Penso a tutte quelle persone
che sono sole e malate,
a chi dorme sulle panchine.
Se avessi la bacchetta magica
farei sparire dal mondo
guerre,odi, povertà e fame
e porterei felicità e gioia
ovunque non solo a Natale
ma per tutto l'anno...
olgica t
                                                                                             
Mostra Presepi di Porcia (PN)


29 nov 2015

Cenni di storia della fotografia

Già nell'antica Grecia si fecero scoperte e studi per realizzare uno strumento capace di registrare l'ambiente grazie all'effetto della luce.Utilizzando queste antiche scoperte e studi ,la fotografia ebbe la sua nascita agli inizi dell'800 e si  sviluppò fino a riprodurre i colori .Così diventò un mezzo  capace di supportare ed affiancare le arti visuali.Agli albori della fotografia si raffiguravano paesaggi e architetture poi per ritrarre la borghesia e il popolo.Con la diffusione della fotografia si sviluppò una sensibilità estetica e indagine artistica di questo nuovo mezzo che entrò in mostre e musei.Ebbe un ruolo fondamentale nel giornalismo e nel reportage. 
eliografia di Joseph Niépce,1826
 foto da wikipedia
La camera oscura

Il filosofo Aristotele osservò che la luce passando per un piccolo foro,proiettava un'immagine circolare.L'arabo Alhazen Ibn Al-Haitham con i suoi studi arrivò alle stesse conclusioni e chiamò la scatola dove si riproducevano le immagini"camera oscura).Nel 1515 Leonardo da Vinci,studiando la riflessione della luce sulle superfici sferiche,descrisse una camera oscura che chiamò " Oculus Artificialis". A Gerolamo Cardano si deve l'uso di una lente convessa per aumentare la luminosità dell'immagine.Il veneziano Daniele Barbaro invece nel 1568 usò una specie di diaframma di diametro inferiore a quello della lente per ridurre le aberrazioni. -continua 

notizie  tratte dal web

Belle fotografie di UDINE

  Al castello di Udine si accede da Piazza Libertà attraverso l'Arco Bollani, sormontato da un Leone Veneto, costruito su progetto dell'architetto veneto Andrea Palladio nel 1556.

Prima di raggiungere la sommità del colle, passando sulla destra per il porticato del Lippomano (1487) a rampe e gradinate, si incontra la Chiesa di Santa Maria di Castello, all'interno della quale ci sono preziosi affreschi di varie epoche.

Accanto, il campanile sovrastato dall'Angelo in bronzo che gira secondo la direzione del vento.

Il castello di Udine sorge su un colle di origine morenica e fu sede, nelle diverse epoche, di gastaldi, patriarchi e luogotenenti veneti.

L'attuale edificio sostituisce quello andato distrutto nel 1511 ed è stato recentemente restaurato.

La parte più importante di tutto il palazzo è il Salone del Parlamento, ricco di numerosi affreschi e un pregevole soffitto a cassettoni con dipinti.     testo da http://www.turismofvg.it/Castelli/Castello-di-Udine                   

                           tutte le fotografie sono di Luca Piccin Basile che ringrazio

                                             la riproduzione è vietata                                                     
Salita al Castello
                                   
salita al Castello
il  campanile  della chiesa di Santa Maria di Castello
 sormontata dall'angelo girevole simbolo di Udine .

 Il campanile cinquecentesco, con i suoi 43 metri d’altezza domina la vasta pianura friulana e, sormontato dall’angelo girevole è un po’ il simbolo di Udine e del Friuli. Fu, probabilmente, eretto al posto di una delle torri di vedetta del recinto fortificato. La costruzione, eseguita su progetto di Gaspare Negro, fu sospesa nel 1511 e ripresa nel 1539 quando Giovanni da Udine portò a termine la cella campanaria, il tamburo e la cupola emisferica.

il colle del Castello di Udine
L'origine del colle del Castello è  sicuramente dovuto dall' accumulo dei detriti nel corso dei secoli.
C'è però una leggenda che narra che quando Attila nel 452 saccheggiò Udine,per godersi lo spettacolo da Udine,ordinò ai soldati di costruire un'altura che fu fatta riempiendo gli elmi di ogni soldato di terra.


Loggia del Lionello
Il più importante monumento di Udine è senza dubbio il palazzo Comunale, più conosciuto come Loggia del Lionello. Loggia pubblica in stile gotico veneziano, l’elegante edificio forma, con altri monumenti, quel complesso che fa di Piazza LIbertà una delle più belle d’Italia.
progetto di Nicolò Lionello,architetto ed orafo udinese
1441

sotto la Loggia del Lionello
in Piazza Libertà

piazza delle erbe oggi piazza Matteotti
con fontana cinquecentesca

Piazza  S.Giacomo o delle erbe
Chiesa di San Giacomo
edificata nel 1378
La facciata attuale risale al 1525 ad opera di  Bernardino da Mocorte, mentre la cappella laterale fu aggiunta dopo il 1650. Sopra il portale è collocato l'orologio, sormontato da un balcone, ed inoltre la cella campanaria aperta da una bifora. Accanto sorge la cappella delle Anime realizzata nel  1744.
Via Mercatovecchio
Ai piedi del colle c'era la più antica cinta muraria del castello, con il fossato per tener lontani i nemici e, all'esterno, le case dei primi abitanti, che si dedicavano a varie attività commerciali. La via che percorreva questo borgo era l'attuale Via Mercato Vecchio , una delle più antiche e vivaci della città.
E' facile indovinare qual'era l'attività che vi si svolgeva un tempo! Il primo mercato permanente di Udine fu creato nel 1200 proprio qui. Esso contribuì notevolmente allo sviluppo della città, attirando commercianti e nuovi cittadini. Via Mercato Vecchio ha un tracciato curvo, che segue il percorso delle antiche mura, e le sue case sono strette-strette una all'altra. Oggi la via è luogo di passeggio e incontri, ed è l'ideale per fare qualche acquisto.

particolare di porta in centro

particolare portone in centro

le informazioni sono tratte dal web e dalle mie conoscenze avendo abitato per 30 anni a Udine

28 nov 2015

Video :Passeggiando per Udine

Vista panoramica dal castello della città di Udine verso l'orizzonte nord occidentale, nord e nord orientale del Friuli
CC BY-SA 2.5 File:Panorama citta di Udine Castello.jpg Caricato da File Upload Bot (Magnus Manske)
wikipedia
Udine è un comune italiano di 99 473 abitanti, capoluogo dell' omonima provincia in Friuli Venezia Giulia.La città è al centro di un'area urbana di circa 176.000 abitanti ed è considerata la capitale storica e capoluogo odierno del Friuli.
Le fotografie del video sono di proprietà di Luca Piccin Basile ne è vietata la riproduzione.

27 nov 2015

Frase

Le fotografie sono la nostra memoria nel tempo, quando i nostri ricordi iniziano a perdersi nel tempo che passa. Silvana Stremiz
foto di olgica
settembre 2012
Kamnik (Slovenija)

Ad un passo dal cielo

Il Monte Lussari è un gioiello d’incomparabile bellezza, da qui l’occhio può ammirare uno stupendo scenario naturale di cime svettanti e maestose. Oltre ad essere luogo d’interesse naturalistico, esso è anche un Santuario, il Santuario che accomuna il ceppo etnico slavo, italiano e tedesco. Già nel 16° secolo il Monte era meta di pellegrinaggi dei tre popoli; oggi esso può indubbiamente venir considerato un Santuario europeo.
Secondo un’antica tradizione, nell’anno 1360 sul Lussari un pastore di Camporosso smarrì le sue pecore, che ritrovò poco dopo inginocchiate attorno ad un cespuglio di pino mugo.
Con grande meraviglia egli si accorse che al centro del cespuglio si trovava la statuetta di una Madonna con Bambino. Egli la prese, la portò a valle e la consegnò al Parroco di Camporosso. La mattina seguente però la statua venne trovata nuovamente sul Lussari, nuovamente attorniata dalle pecore inginocchiate. Tale episodio si ripeté ancora una volta. Il Parroco quindi informò del fatto il Patriarca di Aquileia; questi ordinò che sul luogo in cui venne ritrovata la statua venisse costruita una cappella.
Della cappella originaria non vi sono più tracce; essa venne invece sostituita nel 1500 dal coro attuale, tutto in pietra, compresa la volta. Nel 1760 la comunità dei fedeli Sloveni celebrò il 4° centenario del Santuario.
Nel 1786 l’Imperatore d’Austria, Giuseppe II, vietò la celebrazione di qualsiasi funzione religiosa all’interno della chiesa. Essa venne chiusa, l’interno spogliato di tutti gli oggetti sacri ed i pellegrinaggi vietati. Ma già nel 1790 il successore, il fratello Leopoldo, fece annullare l’ordinanza: la Madonna poté così tornare nella sua dimora sul Monte Lussari.
Nel 1807 un fulmine colpì e distrusse la parte lignea della chiesa: gli operosi fedeli la ricostruirono però in breve, ampliandola.
Nel 1915 il Santuario venne a trovarsi sulle linee di combattimento della Grande Guerra. Il 16 settembre una bomba lanciata contro la chiesa causò un incendio, che la distrusse. Su ordine del Parroco, Padre Pio, la statua venne portata in salvo a valle dal custode della chiesa, Giovanni Kravina. Dal giorno di Pentecoste al mese di luglio essa venne conservata nella Canonica di Camporosso. Più tardi venne portata a Villach, Klagenfurt ed a Maribor, nella Basilica della Madonna delle Grazie. Nel settembre del 1920, inoltre, essa fu portata nella Chiesa dei Pellegrini della Santa Croce a Dravograd. Nell’agosto dell’anno successivo, infine, essa poté finalmente tornare a Camporosso. Il 24 giugno 1925 fece ritorno nella chiesetta sul Monte, che era stata nel frattempo ricostruita.
Anche durante il secondo conflitto mondiale il Santuario rimase chiuso. La Vergine Maria trovò nuovamente riparo presso la canonica di Camporosso, ove rimase dall’agosto del 1943 sino all’ 11 agosto 1945, data in cui venne riportata nella sua dimora sul Lussari.
Nel 1960 venne celebrato il 6° centenario del Santuario. In tale occasione la chiesa venne restaurata e vennero avviati molti lavori di ammodernamento alle case del Santuario. L’opera di ristrutturazione più importante coincide però con il Giubileo del 2000. Nell’occasione sono stati eseguiti notevoli lavori di manutenzione nel Santuario ed è stata completamente rinnovata la canonica. Il Lussari è sempre stato per la popolazione slovena il luogo di pellegrinaggio per eccellenza.
L’interno della chiesa presenta dipinti pregevoli, opera del pittore sloveno Tone Kralj. Tra questi vi è la raffigurazione della Madonna Consolatrice degli afflitti, l’Annunciazione, la Fuga in Egitto, Gesù dodicenne nel Tempio, Maria in preghiera sotto la Croce e l’incoronazione della Vergine. La stagione dei pellegrinaggi estivi ha inizio a giugno, e termina la prima domenica di ottobre.

Croazia-Hrvatska

 La Repubblica di Croazia/Republika Hrvatska è uno Stato dell'Unione europea con una popolazione di 4.290.612 abitanti (censimento 2011),la capitale è Zagabria/Zagreb( 792.875 ab) .Grazie alla presenza di una lunga fascia costiera lungo l'Adriatico con spiagge,coste pulite e ben tenute, il turismo balneare è in crescita e fonte di ricavi per gli operatori.
Cittanova-Novigrad

Cittanova-Novigrad
chiesa di S.Antonio

Cittanova
Chiesa di S.Antonio

S.Antonio interno






Cittanova

Cittanova



Umago-Umag